user_mobilelogo

RSS Feed

Dal Blog

09 February 2017
Tecnologia
Grazie all'opzione Next che ho stipulato con TIM poco più di un anno fa sono potuto passare, dopo un...
3391 Hits
09 February 2016
Tecnologia
Torno sui miei passi.Non è trascorso nemmeno un anno da quando tentai il passaggio da iOS ad Android...
3538 Hits
25 January 2016
Fotografia
Viaggi
Tecnologia
Una delle cose che mi preme maggiormente quando sono in viaggio è sicuramente il backup delle foto e...
1952 Hits

Latest Events

Tue Aug 07 @20:30 -
Last Minute Live @ Cavalese
Sat Sep 08 @15:30 - 05:30PM
FuoriOrario Live @ Osteria dai Carrettai

Kikab il Grande

Non so per quale motivo sia io che gli altri miei compagni di viaggio eravamo convinti che della civiltà maya si sapesse poco, o comunque meno rispetto ad altre civiltà più vicine a noi come ad esempio gli egizi.

Siamo felici di esserci sbagliati e di grosso anche.

Iximche è un sito archeologico pre-colombiano e fu la capitale dei Maya Kaqchikel dal 1470 fino al suo abbandono avvenuto nel 1524. La città venne fondata da Kibab il Grande dopo che i Kaqchikel e i K'iche' ruppero l'alleanza abbandonando la vecchia capitale.

Durante la conquista spagnola, Iximche non venne distrutta in quanto i suoi abitanti si erano alleati con gli spagnoli appunto per combattere il nemico comune: i K'iche'.

La pace tra i Conquistadores e i Kaqchikel non durò a lungo e la città fu messa a ferro e fuoco nel 1526.

Più recentemente, Gerorge Guillemin, vi fece degli scavi dal 1960 al 1972.

La cosa curiosa è che il presidente degli Stati Uniti George W. Bush visitò il sito il 12 marzo 2007 e dopo la sua visita, alcuni sacerdoti maya locali, fecero dei riti di purificazione per scacciare gli spiriti cattivi portati dal presidente. I maya ne sapevano a pacchi nel passato, e ne sanno a pacchi ancora oggi.

Il sito non è molto grande ma è davvero ben tenuto. Non sostiamo molto però facciamo in tempo a vedere un rito maya dove un sacerdote mantiene acceso un piccolo focolare donando frutta e sigarette; molto simile al rito di venerazione di Maximon a Santiago Atitlàn.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.