user_mobilelogo
9 minutes reading time (1792 words)

Microsoft Windows 10 - Recensione - Tips

Microsoft Windows 10 - Recensione - Tips

Il 29 Luglio 2015 è stato il giorno del lancio mondiale di Windows 10.

Secondo quanto dice Microsoft: "Windows 10 è l'ultimo sistema operativo di Microsoft. Non ci saranno più altre versioni, ci saranno solo update, come se fosse un sistema operativo mobile."

La notizia fa sicuramente scalpore soprattutto dopo un periodo buio segnato dall'insuccesso di Windows 8/8.1 che a pochi è piaciuto. Non che fosse un sistema instabile o pesante, anzi, era molto più "leggero" di Windows 7; il problema è stato adottare di default quella pessima Modern UI, pensata per i dispositivi touch/mobile.

Il tasto Start, da subito, sparì con Windows 8 per poi riapparire, ma castrato, in Windows 8.1. Sinceramente per me non è stato un grosso problema, dal giorno che sono passato a 8, ho installato un software di terze parti chiamato Start8, che ripristinava il tasto Start facendolo funzionare esattamente come in Windows 7.

Per il resto ho trovato 8/8.1 molto migliore come performance rispetto a 7.

A conti fatti, Windows 8 era un ottimo sistema con una pessima interfaccia utente.

Visto che sono gli utenti ad usarlo il risultato è che non è piaciuto a quasi nessuno per cui Microsoft è corsa immediatamente ai ripari iniziando lo sviluppo di Windows 10.

Microsoft, questa volta, si è servita del supporto degli "insider". Come per Windows 8, le versioni alpha e beta di 10 erano pubbliche solo che per 10 bisognava iscriversi al "programma insider". Nulla di che, questo programma permetteva agli utenti di usufruire gratuitamente di Windows 10 potendo contribuire attivamente allo sviluppo dello stesso. Il risultato che speravano di ottenere era quello di un sistema fatto dagli utenti per gli utenti.

Potevo esimermi da essere un insider? Nemmeno per sogno, purtroppo però il tempo per dedicarmici era davvero poco per cui, Win 10, rimase fermo in una Virtual Machine a prendere polvere virtuale.

Un'altra notizia che fece scalpore fu quella per cui Win 10 sarebbe stato gratuito per qualsiasi possessore di Windows 7/8/8.1 correttamente attivato (quindi niente chiavi pirata o sistemi strani di attivazione) a patto di installarlo entro un anno dalla data di rilascio ufficiale, dopodichè sarebbe diventato a pagamento.

Le premesse erano buone, per quel poco che avevo visto di Win 10 mi sembrava pure un S.O. (Sistema Operativo) ben fatto.

Bene, le premesse sono quindi state mantenute?

Cercherò di rispondere a questa domanda passo per passo, valutando pro e contro di questa nuova versione del S.O. della casa di Redmond.

 

Prenotazione di Windows 10

win10 reservationQualche mese fa, Windows 7/8/8.1 tramite un aggiornamento, resero "prenotabile" la versione 10. Questo è servito fondamentalmente a Microsoft per fare una stima dei potenziali utenti che avrebbero installato il sistema operativo e schedularne quindi un graduale rilascio per non intasare i server di download e tutta la rete. Per far fronte alla massiccia richiesta, Microsoft, si riservò banda in download per una cifra enorme che si attestava intorno ai 40T/s, QUARANTA TERABIT AL SECONDO, un record. Il mio amico Sandro che ha parte dell'ambiente di sviluppo si Azure mi disse: "Tutto Azure è lento: coincidenza?".

Nemmeno per sogno, il numero di download del nuovo sistema operativo è stato impressionante. Nell'ambiente Geek, tutti, o quasi, lo avevano quantomeno scaricato, magari non installato, ma pronto su chiavetta USB o DVD si.

Anche io come molti altri mi ero preparato la chiavetta tramite il tool di Microsoft: 

Prima di installarlo sul mio PC di casa, volevo essere sicuro che non ci fossero grossi problemi. Windows 10 da la possibilità di mantenere tutto il contenuto del PC invariato, sia programmi che documenti. Pensare di reinstallare tutto da capo non mi è passato nemmeno dall'anticamera del cervello nonostante la connessione in fibra mi permetta download estrememente veloci.

Ho quindi aspettato di vedere "gli altri" se avevano problemi di sorta. A parte qualche tool particolare (Start8, recentemente sostituito da Start10) e qualche driver obsoleto, sembra andare tutto a meraviglia.

Mi decido quindi di provare prima su una VM (Virtual Machine) che ho a disposizione proprio per queste prove. Creo uno snapshot (punto di ripristino) della mia VM con installato Windows 8.1 e inizio l'aggiornamento che devo dire avviene velocemente e senza intoppi. Alla fine (meno di 20 minuti) la macchina virtuale è pronta. Faccio qualche test e tutto sembra andare a meraviglia.

 

Installazione

Provo quindi sul PC di casa. Prima di installare l'aggiornamento faccio un ultimo backup con Acronis True Image (un software di backup incrementale poco costoso ma completo e che mi ha salvato in più di un'occasione, lo consiglio caldamente a tutti).

Ho voluto però provare ad installare tramite update (sempre usando il tool di Microsoft) e non usando la chiavetta USB.

Dopo aver scaricato il software, parte con l'aggiornamento con una prima valutazione del sistema da aggiornare. Al momento però di scegliere una delle tre opzioni:

  1. Mantenere sia i programmi che i documenti
  2. Cancellare i programmi ma mantenere i documenti
  3. Cancellare tutto, installazione pulita

mi accorgo che mi fa selezionare solo la 3 (come avrebbe detto Mike Bongiorno).

Altra cosa strana è la lingua dell'aggiornamento: ITALIANO.

Io, per motivi pratici, preferisco avere sia il sistema operativo che i programmi in inglese; in primis per le pessime traduzioni che soprattutto in caso di errori del sistema sono agghiaccianti, in secundis perchè ricercare informazioni in internet tramite google produce molte più informazioni in inglese che in italiano.

Grazie proprio ad una breve ricerca capisco che il download di Win 10 è avvenuto in italiano a causa dei Regional Settings di windows. Ora non ricordo come si chiamino in italiano ma in definitva la voce del pannello di controllo è questa region

Avere il sistema in inglese non è sufficiente; infatti sia la localizzazione del sistema, sia il formato data ora numeri, sia le opzioni dello user account (account utente) le avevo in italiano. Ho dovuto reimpostare tutto in inglese.

Finalmente ho potuto fare un upgrade del pc.

Avere un SSD accorcia notevolmente i tempi di aggiornamento anche se ho temuto il peggio in fase di copiatura files: mi si era fermato all'84%. Niente paura, a tutti si ferma più o meno a lungo su quella percentuale. Ho temuto il peggio.

L'installazione avviene in tre step:

  1. Copia files
  2. Installazione dei drivers
  3. Installazione delle features

 

Features

In meno di 20 minuti avevo il pc upgradato.

Cosa non ha funzionato subito?

Start8 che però avevo precedentemente disinstallato, driver scheda video, driver scheda audio.

Win 10 ha deciso di disinstallare (evidentemente causa incompatibilità) i drivers NVidia della scheda grafica e di sostituirli con quelli suoi. Stessa cosa per la scheda audio.

Se per la scheda video è bastato  scaricare i nuovi drivers dal sito nVidia, disinstallare quelli Microsoft e infine reinstallare quelli appena scaricati, per la scheda audio ci è voluto un po' più di tempo; non a causa di Microsoft ma di Sound Blaster che decise qualche anno fa di non rilasciare driver aggiornati per la mia Audigy X-Fi Fatality Champion, una scheda che tra le altre cose è ancora una forza.

Nessun problema comunque, i driversi di Daniel K, che già funzionavano egregiamente su Win 8, sono stati aggiornati anche per Win 10 e si possono trovare a questo indirizzo (clicca).

Una volta installati anche i driver audio mi sono messo alla ricerca di qualche altra incompatibilità ma senza trovarne.

Per metterlo subito alla frusta ho fatto una partita ad Arma III che ho anche trasmesso in streaming; tutto ok. La suite di Adobe funziona a meraviglia, così come iTunes, AnyDVD HD, Suunto Movescount ecc. Non un solo problema, test superato.

Quali sono quindi le novità di rilievo di Windows 10?

start

Finalmente è tornato il tasto Start con tutte le sue funzioni. La lista dei programmi è presente e separta in ordine alfabetico. Ma la vera novità sta nel multidesktop. Così come Linux e OS X, ora anche Windows ne è dotato. E' una cosa che usavo spesso e che finalmente posso utilizzare. Basta mille finestre aperte: un desktop per l'ambiente di sviluppo, uno per Office, uno per Spotify, uno per le comunicazioni (Skype e Whatsapp Web).

Ecco un esempio di come può essere gestito il multi desktop (clicca).

Ovviamente si possono spostare i programmi in esecuzione da un desktop all'altro.

Altra novità: le app finalmente possono essere esgeuite in finestra e questo le rende utilizzabili al 100%.

Torna anche la funzione Snap attraverso la quale si possono ridimensionare le finestre aperte semplicemente trascinandole verso il bordo dello schermo; funzione migliorata in quanto, con il display diviso a quadrante, ora si possono avere fino a quattro finestre nello stesso schermo.

Finalmente il sistema, come OS X, scala per le risoluzioni 2K e 4K e quindi tutti i programmi sono utilizzabili a queste risoluzioni senza dover diventare ciechi con i menu e le relative voci visibili alla risoluzione nativa (ora non ho più scuse per non passare ad un display 4K).

Anche il centro notifiche (Event Viewer) è nuovo e decisamente migliore dal punto di vista dell'usabilità.

Novità interessante è Cortana, l'assistente di Windows, simile in toto a Siri di OS X e Google Now di Android.

Cortana viene integrata ad un novo strumento di ricerca simile a Spotlight di Apple, per cui la ricerca viene effettuata sia all'interno del sistema sia all'esterno utilizzando aihmè Bing. Purtroppo non c'è modo di cambiare il motore di ricerca collegato a Cortana.

Un nuovo browser vede la luce con Windows 10: Edge. Nato dal progetto Spartan a cui poi è stato cambiato il nome. Internet Explorer è sempre presente ma non è più di default.

Edge è un mostro di performance, utilizza pochissima ram e la navigazione è davvero velocissima, peccato però che non esistano (ancora) plugin com Ad Block, potrebbe diventare il mio nuovo browser preferito.

Una cosa che invece non mi è assolutamente piaciuta di Win 10 è l'impossibilità (tranne che nella versione Enterprise) di gestire completamente gli update. Non appena è presente un nuovo update, Windows, lo scaricherà lasciadoci solo due possibilità: eseguire l'installazione o rimandarla. Dopo qualche tempo gli aggiornamenti verranno comunque installati anche senza il nostro benestare. Solo nella versione Enterprise, disponibile per chi ha sottoscritto un contratto Volume Licensing, è possibile decidere se installare gli aggiornamenti e se si: quali.

 

Conclusioni

Devo dire che per ora il sistema, a mio avviso, è fatto davvero bene e non vedo motivi per non consigliare un upgrade per chiunque abbia installato uno tra Windows 7/8/8.1.

Anche a livello di performance Win 10 è migliore rispetto a Win 8 che a sua volta era infinitamente migliore di Windows 7.

Con Win 10, Microsoft, ha seguito pari pari la strada segnata da Apple: un ecosistema perfettamente integrato tra PC, Smartphone, Tablet e anche XBox One. Il tutto, ad un prezzo inferiore.

Recensione Audioengine D1
Recensione Samsung Galaxy S6 Flat 32Gb Gold Platin...

Related Posts

 

Comments

Guest - user on Friday, 02 October 2015 17:08

Mah, io l'ho provato per un pò di tempo su un pc portatile, aggiornando da 7 professional, ma mi ha veramente deluso; intanto non ho riscontrato nessun miglioramento nelle prestazioni, anzi, windows 7, almeno con l'interfaccia di windows classico che usavo abitualmente, era più snello; inoltre l'interfaccia di windows 10 è veramente penosa: colori scuri e tetri, elementi ancora più scarni di quelli del tanto bistrattato windows 8 e un menu start disordinato e con quelle ridicole piastrelle da far venire il voltastomaco. E dulcis in fundo, quando ho deciso di tornare a 7 non è stato possibile perché il backup del vecchio sistema si era volatilizzato; ho dovuto riformattare e reinstallare tutto daccapo.
Ho un altro pc con windows 8 (grazie al cielo non mi sono fatto tentare dall'aggiornarlo) che, installando un'utility per ripristinare il menu start e dimenticandosi dell'interfaccia a mattonelle (il cui uso per fortuna è del tutto facoltativo) si è rivelato molto meglio delle aspettative: è stabile, veloce, ha un'interfaccia semplificata ma pulita e esteticamente gradevole; francamente non capisco quelli che la disprezzano dicendo che è troppo scarna e spartana: e se allora vedono quella di windows 10 che fanno? Vomitano sul monitor?

Mah, io l'ho provato per un pò di tempo su un pc portatile, aggiornando da 7 professional, ma mi ha veramente deluso; intanto non ho riscontrato nessun miglioramento nelle prestazioni, anzi, windows 7, almeno con l'interfaccia di windows classico che usavo abitualmente, era più snello; inoltre l'interfaccia di windows 10 è veramente penosa: colori scuri e tetri, elementi ancora più scarni di quelli del tanto bistrattato windows 8 e un menu start disordinato e con quelle ridicole piastrelle da far venire il voltastomaco. E dulcis in fundo, quando ho deciso di tornare a 7 non è stato possibile perché il backup del vecchio sistema si era volatilizzato; ho dovuto riformattare e reinstallare tutto daccapo. Ho un altro pc con windows 8 (grazie al cielo non mi sono fatto tentare dall'aggiornarlo) che, installando un'utility per ripristinare il menu start e dimenticandosi dell'interfaccia a mattonelle (il cui uso per fortuna è del tutto facoltativo) si è rivelato molto meglio delle aspettative: è stabile, veloce, ha un'interfaccia semplificata ma pulita e esteticamente gradevole; francamente non capisco quelli che la disprezzano dicendo che è troppo scarna e spartana: e se allora vedono quella di windows 10 che fanno? Vomitano sul monitor?
Guest - CeciliaS on Thursday, 17 December 2015 10:09

Io ho installato windows 10 su tutti i computer che potevano supportarlo in quanto purtroppo il “mitico” windows vista non è aggiornabile. Graficamente mi piace e lo trovo più intuitivo dell’8. In generale mi trovo bene anche se, parlando con altre persone che lo hanno installato, ha portato ad avere alcuni problemi anche fastidiosi. Personalmente ritengo che ci stiano usando un po’ come cavie per capire quali sono i problemi di questo sistema operativo e spero che in un futuro non troppo lontano tali grattacapi vengano risolti.

Io ho installato windows 10 su tutti i computer che potevano supportarlo in quanto purtroppo il “mitico” windows vista non è aggiornabile. Graficamente mi piace e lo trovo più intuitivo dell’8. In generale mi trovo bene anche se, parlando con altre persone che lo hanno installato, ha portato ad avere alcuni problemi anche fastidiosi. Personalmente ritengo che ci stiano usando un po’ come cavie per capire quali sono i problemi di questo sistema operativo e spero che in un futuro non troppo lontano tali grattacapi vengano risolti.
Already Registered? Login Here
Guest
Friday, 03 July 2020

Captcha Image

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.robertoandreasi.com/

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.
Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies.

 

This site uses cookies. By continuing to browse the site, you are agreeing to our use of cookies.